Convenzione Siae 2024. Sconti per gli associati

Convenzione Siae 2024. Sconti per gli associati

La SIAE ha pubblicato le tabelle dei compensi 2024 relative a musica d’ambiente nei Pubblici Esercizi e nelle Sale Bingo (sale gioco). Vi ricordiamo che gli abbonamenti annuali SIAE per la musica d’ambiente nei pubblici esercizi dovranno esser rinnovati entro il 28 febbraio 2024, salvo proroghe.

Oltre tale termine, gli imprenditori saranno tenuti al pagamento intero della tariffa senza sconto e con gli interessi.

Grazie all’intervento di Fipe – Confcommercio, i previsti aumenti tariffari connessi all’incremento dell’indice ISTAT che misura l’aumentato costo della vita, pari al 5,1%, sono stati ridotti di oltre il 50%: l’incremento applicato alle tariffe del 2024 è infatti stato ridotto al 2,5%, tenendo conto della particolare congiuntura economica e di mercato.

La misura dei compensi è determinata:

  • dal tipo di apparecchiatura sonora o videosonora utilizzata per le esecuzioni musicali;
  • dal periodo di validità dell’abbonamento;
  • dal numero degli altoparlanti collegati con l’impianto centrale.

Gli associati Confcommercio continuano ad usufruire di uno sconto riservato fino al 30%.

Lo sconto è riconosciuto solo agli associati che all’atto della richiesta di rinnovo risultino in regola con il pagamento della quota associativa 2024.

Vi invitiamo a ritirare l’apposito modulo o a contattare i nostri uffici di Cosenza, via Alimena 14 e Corigliano – Rossano, via Metaponto.

Iscriviti al canale WhatsApp di Confcommercio Cosenza. Clicca qui e rimani sempre aggiornato!

Rinnovo canone speciale RAI 2024

Rinnovo canone speciale RAI 2024

Il 31 gennaio 2024 scadrà il termine per rinnovare l’abbonamento speciale alla RAI per gli apparecchi televisivi e radiofonici presenti nei Pubblici Esercizi.

Sono soggetti al canone speciale coloro che detengono uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione delle trasmissioni radiotelevisive in esercizi pubblici, in locali aperti al pubblico o comunque fuori dell’ambito familiare (art. 27 del R.D.L. n. 246/1938 e art. 16 della L. n. 488/1999), indipendentemente dalla qualità o dalla quantità del relativo utilizzo.

Gli importi del canone speciale, come auspicato dalla Federazione, non hanno subito variazioni rispetto al 2023 e sono consultabili nella sezione dedicata del sito della RAI (le cifre sono comprensive di IVA).

Per quel che concerne il pagamento, si ricorda che, oltre alla tradizionale modalità attraverso i bollettini di c/c postale che la RAI invia alle imprese prima della scadenza, è possibile effettuare il versamento anche nei seguenti modi:

  • pagamento on-line tramite carte di credito dei principali circuiti internazionali con commissioni a carico di Rai (per ricevere il link attraverso il quale effettuare il versamento occorre contattare il Call Center RAI al numero 800.938.362);
  • domiciliazione bancaria precedentemente disposta su moduli inviati dalla RAI;
  • bonifico bancario/postale indicando il codice IBAN: IT75O0760101000000000002105 e inserendo nella causale i seguenti dati obbligatori: (i) numero di abbonamento; (ii) nome, cognome o ragione sociale; (iii) indirizzo; (iv) codice fiscale/partita IVA;
  • con carte di debito e di credito tramite POS presso gli sportelli degli Uffici Regionali RAI.

Per tutte le altre informazioni di dettaglio (variazioni, disdette, sanzioni ecc.), si rinvia alla pagina del sito web della RAI dedicata al canone speciale.

Si ricorda infine che, ai sensi dell’art. 16 comma 2 della Legge 488/1999, il canone speciale della televisione ricomprende anche quello della radio; pertanto, i soggetti che nel loro locale hanno sia radio che televisione sono tenuti a pagare solo il canone della televisione, mentre i soggetti che hanno la radio, ma non la televisione, saranno tenuti al pagamento del canone speciale per gli apparecchi radiofonici.

Iscriviti al canale WhatsApp di Confcommercio Cosenza. Clicca qui e rimani sempre aggiornato!

“Bevi Responsabilmente” con Fipe e Anm la buona movida arriva a Cosenza

“Bevi Responsabilmente” con Fipe e Anm la buona movida arriva a Cosenza

 stato presentato oggi a Cosenza “Bevi Responsabilmente”, il progetto nato nel 2021 dall’intesa tra FIPE-Confcommercio, la Federazione italiana Pubblici Esercizi, e l’Associazione Nazionale Magistrati, per diffondere la cultura del divertimento sano e responsabile. Da marzo 2023 il progetto ha il patrocinio della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome.

All’evento di presentazione, che si è svolto oggi presso la Sala Conferenze “Maria Cocciolo” di Confcommercio Cosenza, hanno partecipato Il Presidente Nazionale Fipe, Lino Enrico Stoppani, Il Presidente di Confcommercio Cosenza, Klaus Algieri, l’Assessore alla Sanità del Comune di Cosenza, Maria Teresa De Marco, Il Giudice del Tribunale di Cosenza, Urania Granata, , il Direttore della Fipe, Roberto Calugi e il direttore di Confcommercio Cosenza, Maria Santagada. A moderare la scaletta degli interventi la Presidente Fipe Cosenza, Laura Barbieri.

L’iniziativa mira a favorire un vero e proprio patto tra associazioni, istituzioni e imprese dei Pubblici Esercizi per sensibilizzare clienti e gestori dei locali sulle buone pratiche legate al consumo di alcol, come ad esempio:

  1. Mangiare quando si beve – perché l’alcol viene metabolizzato meglio
  2. Prediligere Esercizi che servono alcolici di qualità – affidarsi a professionisti del settore
  3. Bere meno e bere meglio
  4. Frequentare locali il cui personale è formato – perché in caso di necessità sapranno come intervenire
  5. Meglio consumare alcolici all’interno dei locali e dei dehors, tra l’altro aiuterà a mantenere strade e piazze pulite
  6. Nei locali si è più sicuri e si può chiedere l’etilometro
  7. Non favorire l’abusivismo – per stare dalla parte della qualità e del buon vivere

“Con Bevi Responsabilmente vogliamo dare una risposta concreta al fenomeno della malamovida”, ha dichiarato Laura Barbieri di Presidente FIPE Cosenza. “La vera sfida sarà infatti pensare regolamentazioni ad hoc in ciascuna città italiana per contrastare l’abusivismo commerciale, la diffusione di alcol a basso costo, il dilagare del degrado urbano. Ma anche, e soprattutto, per tutelare la salute dei nostri ragazzi e garantire la sicurezza delle nostre città. Un obiettivo comune – ha spiegato Barbieri- che possiamo raggiungere privilegiando politiche volte a ribadire che il consumo delle bevande alcoliche deve avvenire Pubblici Esercizi”.

“Formazione e informazione – ha sottolineato il Presidente di FIPE Confcommercio Lino Stoppani – sono i binari su cui si deve muovere una cultura del divertimento sano che fa bene a tutti: bere responsabilmente non è semplicemente uno slogan o una trita raccomandazione, è invece un messaggio di senso per i giovani consumatori, un tema di valore aggiunto per i gestori dei locali e un modo per contrastare abusivismo e pratiche scorrette” ha dichiarato il Presidente FIPE Stoppani.

Soddisfatto per l’ottima riuscita della manifestazione il Presidente di Confcommercio Cosenza, Klaus Algieri che ha dichiarato: “Ringrazio il Presidente Stoppani per essere venuto qui da noi per la prima volta. È un riconoscimento al lavoro che la nostra Fipe territoriale ha svolto in questi anni, soprattutto quelli della pandemia che hanno messo a dura prova i pubblici esercizi. Sicuramente porteremo avanti la tematica del Bevi responsabilmente cercando di coinvolgere tutte le istituzioni del territori ad affrontare seriamente il fenomeno”.

Con questo progetto FIPE ha voluto affiancare le Amministrazioni locali per diffondere una cultura del bere consapevole e responsabile tra i più giovani (e non solo) e per far sì che i Pubblici Esercizi rappresentino veri e propri presidi di legalità.

‘Bevi responsabilmente’ promuove la cultura per un divertimento responsabile e moderato e punta a diffondere una serie di buone pratiche da adottare per limitare e prevenire le smoderatezze dovute al consumo eccessivo di alcol. L’attenzione dei Pubblici Esercizi deve essere massima, affinché si arginino comportamenti pericolosi e dannosi per le persone e la società. Maggiore informazione e formazione e lotta all’abusivismo commerciale per diffondere legalità e consapevolezza. 

Al termine dei lavori è stata inoltre firmata la Carta dei Valori della Ristorazione nei quali sono sanciti i principi cardine di una buona attività di ristorazione.

Eccedenze alimentari nella ristorazione: cosa c’è da sapere

Eccedenze alimentari nella ristorazione: cosa c’è da sapere

Fipe-Confcommercio organizza il webinar “Eccedenze alimentari nella ristorazione: cosa c’è da sapere” che si terrà Martedì 28 giugno 2023 alle ore 15:00.

Il webinar illustrerà le agevolazioni fiscali in favore dei soggetti che cedono gratuitamente il cibo in eccesso. Il webinar metterà in luce tutti quegli incentivi fiscali che favoriscono i pubblici esercizi e spiegherà gli adempimenti richiesti e le misure specifiche affinché si possa beneficiare delle agevolazioni.

Relatori:

  • On. Maria Chiara Gadda, Vicepresidente XIII Commissione Agricoltura e prima firmataria Legge 166/16 c.d. “antispreco”
  • Marco Lucchini, Segretario Generale Banco Alimentare
  • Luciano Sbraga, Vicedirettore FIPE-Confcommercio
  • Francesco Rebuffat, Area Legislativa Legale e Tributaria Fipe-Confcommercio

Testimonianze

  • Sergio Paolantoni, Presidente Fipe-Confcommercio Roma
  • Sergio Castellano, Chief Quality & ESG Officer Chef Express S.p.A.
  • Daniele Tonti, Amministratore La Romana.

Form di registrazione:  https://forms.gle/4hKvA7A3fzfM9w367

L’ospitalità italiana al centro della Giornata della Ristorazione

L’ospitalità italiana al centro della Giornata della Ristorazione

Domani 28 aprile si terrà la prima Giornata nazionale della Ristorazione voluta da Fipe Confcommercio – Federazione Italiana Pubblici Esercizi per celebrare una delle punte di diamante dell’economia italiana: la ristorazione.

Un’iniziativa popolare, inclusiva, solidale e profondamente etica che ha come obiettivo primario quello di invitare tutti gli italiani a celebrare la condivisione di un rinnovato sentimento di comunità.

Oltre 5.000 i ristoratori aderenti in tutta Italia che saranno chiamati a proporre nei loro locali un piatto a base di pane scelto come simbolo di questa prima edizione. Il pane simbolo di condivisione alimento che da sempre unisce gli uomini e testimonia il desiderio umano non solo di sopravvivere, ma di vivere assieme: con-dividere.

Numerose le adesioni anche nella provincia di Cosenza dove per l’occasione presso la sede di Confcommercio Cosenza, si terrà alle 9:30 un evento che vedrà coinvolte scuole, giornalisti enogastronomici e i ristoratori che insieme cercheranno di tracciare il percorso della ristorazione nel nostro territorio.

Alla manifestazione guidata dalla Presidente di Fipe-Confcommercio Cosenza Laura Barbieri parteciperanno: la Direttrice di Confcommercio, Maria Santagada; la consigliera delegata della provincia di Cosenza, Pina Sturino; la preside dell’IIS Mancini di Cosenza, Graziella Cammalleri; il giornalista enogastronomico, Vincenzo Alvaro; il consigliere della Federazione Italiana Cuochi, Carmelo Fabbricatore; il consigliere Fipe Cosenza, Enrico De Luca.

 

 

Rinnovo canone speciale RAI 2023

Rinnovo canone speciale RAI 2023

Il 31 gennaio 2023 scadrà il termine per rinnovare l’abbonamento speciale alla RAI per gli apparecchi televisivi e radiofonici presenti nei Pubblici Esercizi.

Gli importi del canone speciale, anche grazie all’intervento di Fipe – Confcommercio, non hanno subito variazioni rispetto al 2022 e sono consultabili al seguente link: http://www.canone.rai.it/Speciali/Categorie.aspx

Per quel che concerne le modalità di pagamento, si ricorda che, oltre alla tradizionale modalità di pagamento attraverso i bollettini di c/c postale che la RAI invia alle imprese prima della scadenza, è possibile effettuare il versamento anche nei seguenti modi:

  • pagamento on-line tramite carte di credito dei principali circuiti internazionali con commissioni a carico di Rai (per ricevere il link attraverso il quale effettuare il versamento occorre contattare il Call Center RAI al numero 800.938.362);
  • domiciliazione bancaria precedentemente disposta su moduli inviati dalla RAI;
  • bonifico bancario/postale indicando il codice IBAN: IT75O0760101000000000002105 e inserendo nella causale i seguenti dati obbligatori: (i) numero di abbonamento; (ii) nome, cognome o ragione sociale; (iii) indirizzo; (iv) codice fiscale/partita IVA;
  • con carte di debito e di credito tramite POS presso gli sportelli degli Uffici Regionali RAI.

Per tutte le altre informazioni di dettaglio (variazioni, disdette, sanzioni ecc.) si rinvia alla pagina del sito della RAI dedicata al canone speciale.

Si coglie l’occasione per rammentare che, ai sensi dell’art. 16 comma 2 della Legge n. 488/1999, il canone speciale per la televisione ricomprende anche quello per la radio; pertanto, i soggetti che hanno nel proprio locale sia radio che televisione sono tenuti a pagare solo il canone per la televisione, mentre i soggetti che hanno la radio ma non la televisione, saranno tenuti al pagamento del canone speciale per gli apparecchi radiofonici.